22 Set 2021

Imperdibili spaghettoni alla nerano

Imperdibili spaghettoni alla nerano

Gli Ingredienti Masilicò

IMPERDIBILI SPAGHETTONI ALLA NERANO

Imperdibili spaghettoni alla nerano

Nerano:  splendida località di villeggiatura sulla costiera Amalfitana,  dove si trovano spiagge meravigliose per accedere ad un mare dalle acque cristalline e tutto ciò ruota intorno ad una rupe rocciosa da cui si dominano scorci di panorama bellissimi.

Poco lontano da Nerano sei piccoli borghi compongono il territorio di Agerola, che si sviluppa in una conca dei monti Lattari.

Agerola deve il suo nome al latino “ager” cioè “campo”, ma esiste anche una versione che vede l’origine in “aereus” e cioè luogo elevato.

È un paese molto antico, addirittura all’età del ferro risalgono le prime tracce umane.

Quel che è certo di questo territorio è che vi si produce un rinomato e gustoso formaggio: il provolone del monaco.

Questo nome deriva dal fatto che quando i casari sbarcavano all’alba per piazzare i loro prodotti il freddo era così intenso, che si coprivano con sacchi simili ai sai dei frati.

Lavorando latte crudo di mungitura con caglio di capretto e con un attrezzo apposito chiamato “sassa”, dopo scottatura e filatura, ecco che abili mani artigiane realizzano una sorta di pera.

Dopo la salamoia e l’asciugatura il formaggio viene posto a stagionare in modo tale che ne vengano esaltati tutti i profumi ed i sapori di questi luoghi.

Nella Piana del Sele così rigogliosa e prolifica, invece, non è difficile trovare orti ed appezzamenti di terreno che a primavera inoltrata appagano la vista con i colori verde intenso e giallo oro…stanno fiorendo e maturando le piante delle zucchine!

Vedono la loro origine nell’Africa meridionale, ma quelle attuali più consumate nelle ricette appartengono alla varietà “zucchine d’Italia” e cioè sono quelle di forma cilindrica, dalla buccia liscia e color verde scuro screziato di una tonalità più chiara.

Sono ben inserite nella dieta mediterranea, poichè sono ipocaloriche, ma ricche di proprietà benefiche come, ad esempio, essere un leggero diuretico, tonificanti nelle gastriti e anche un aiuto a contrastare l’insonnia.

Agerola col suo formaggio, la Piana del Sele con le sue zucchine, Nerano con la sua ricetta e Masilicò con i suoi splendidi spaghettoni danno vita ad un piatto gustosissimo!

Ecco la ricetta

Ingredienti

Procedimento

Dopo aver ben pulito le zucchine e averle tagliate a rondelle sottili, friggerle in padella nell’olio per frittura (ancora più gustose se passate in padella con olio extra vergine Masilicò).

Dopo averle fritte porle ad asciugare su carta da cucina e cospargerle di sale e basilico spezzettato.

Mentre l’acqua per lessare la pasta arriva a bollore, con una grattugia a fori larghi passare sia il parmigiano, che il provolone del Monaco.

Quando gli spaghettoni saranno cotti al dente, scolarli. Versarli in una comoda padella in cui sarà stato scaldato l’olio extra vergine di oliva Masilicò con aglio e zucchine.

Se asciuga troppo versarvi poca acqua di cottura della pasta, spadellando qualche minuto;aggiungere una metà del provolone del Monaco grattugiato. Mescolare fino a che non si formerà una crema morbida ed avvolgente, dopodichè completare con il rimanenrte provolone ed il parmigiano.

Una volta sporzionati nei piatti, spolverizzare gli spaghettoni con basilico spezzettato e pepe nero, possibilmente macinato al momento.

Spaghettoni alla nerano • Curiosità

Pare che questo piatto oggi così conosciuto ed apprezzato, sia nato casualmente negli anni ‘50 in un ristorante della Baia di Nerano il “Maria Grazia”. Nasce per dare un tocco di gusto in più alla semplice pasta con le zucchine