11 Dic 2020

FILETTO DI SOGLIOLA ALLA SALVIA

FILETTO DI SOGLIOLA ALLA SALVIA

Filetto di sogliola alla salvia: La ricetta di oggi prevede l’utilizzo della salvia in polvere Masilicò (argomento trattato nell’articolo del 10 dicembre) e di un ottimo e delicato pesce: la sogliola.

Filetto di sogliola alla salvia: un pesce…sdraiato!

Nel corso dei secoli una serie di evoluzioni dettate dalla necessità di mimetizzarsi coi fondali marini, ha portato questo pesce, che è un predatore notturno, ad assumere una colorazione bianca sul lato che poggia sui fondali e mimetica sul lato verso la superficie marina.

Questo lo obbliga a muoversi sul fianco, come fosse sdraiato e con entrambi gli occhi sullo stesso lato.

E’ più diffusa, per quanto riguarda l’Italia, nel Mediterraneo, in Sicilia, in Puglia e nel Mar Adriatico dove il sistema di pesca più diffuso è a strascico.

A seconda dei luoghi  assume un nome dialettale diverso, come ad esempio tra i più originali: palaia in Campania; lengua secca in Liguria, pettinissa in Calabria; sfogliola in Toscana; sfogio in Veneto.

Esistono vari tipi di questo pesce: oltre alla più comune dalle carni bianche, esiste anche la Limanda, un po’ più grande e con carne tendente al rosa; la “occhiuta” di colore che varia dal grigio al giallo con sfumature rosse e le caratteristiche macchioline nere sul dorso; la “ pelosa “ che ha una sola pinna pettorale e grosse squame che rivestono la pelle scura.

Filetto di sogliola alla salvia: Benefici

La sogliola è uno degli alimenti perfetti nella dieta mediterranea, poichè è molto ricca di proteine, acidi grassi, omega 3 e potassio.

Ecco quindi che, con queste caratteristiche, è molto valida per controllare i trigliceridi e tenere sotto controllo la pressione arteriosa.

W la leggerezza!

E’ un pesce molto digeribile e leggero che piace molto ai bambini,che ne traggono tutti i valori nutrizionali sin dal nono mese di età.

Aiuta a stimolare  memoria , concentrazione ed attività cerebrale.

Filetto di sogliola alla salvia: E ora …tutti in cucina!

Ingredienti

8 filetti di sogliola
½ cucchiaino di polvere di salvia Masilicò
Farina di mais
90 g di burro
8 foglie di salvia fresca
1 bicchiere di vino bianco secco
QB : sale – pepe

Procedimento

  • Sciacquare ed asciugare i filetti di sogliola.
  • Mescolare la farina di mais con la salvia in polvere e passarvi i filetti di pesce.
  • Fondere il burro in una comoda padella e, quando comincia a sfrigolare, aggiungere la polvere di salvia e, se disponibile, alcune foglie fresche da togliere appena cominceranno ad appassire e conservate a parte.
  • Ora in questo condimento così profumato adagiare i filetti di sogliola a fuoco moderato , rigirandoli per circa 4 minuti.
  • Sfumare con il vino e , una volta evaporato, le sogliole saranno pronte per essere adagiate nei piatti di portata.
  • Rettificare di sale e pepe il condimento e versarlo sui filetti.
  • Guarnire con foglie di salvia o verdi ciuffetti di prezzemolo.

Curiosità

Appena nata la sogliola ha gli occhi normalmente posizionati uno per lato.
Solo crescendo uno dei due “migrerà”, affiancandosi all’altro.
Il suo nome deriva dal latino “solfa”, che significa: sandalo o pianella.